5210 - Cippo a 2 partigiani caduti a Saliceto Buzzalino

Cippo in pietra e laterizio a base circolare a ricordo di Aldo Guidetti e Olivio Righi, partigiani che persero la vita a Salicetto Buzzalino di Campogalliano. Nella parte superiore è incisa l’epigrafe, con i caratteri colorati con vernice rossa. Al centro si trova un bassorilievo in marmo, con figure allegoriche richiamanti il martirio dei due partigiani. Ai lati, nella parte in mattoni, sono affisse due lunghe croci cristiane in metallo. Poggia su un basamento in pietra, dove trova spazio anche un vaso portafiori in bronzo. Ai lati sono state piantate due siepi di sempreverde.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Saliceto Buzzalino
Indirizzo:
Via Vecchia
CAP:
41011
Latitudine:
44.70236024090673
Longitudine:
10.868701189756393

Informazioni

Luogo di collocazione:
Lato strada
Data di collocazione:
Informazione non reperita
Materiali (Generico):
Bronzo, Laterizio, Marmo, Pietra
Materiali (Dettaglio):
Corpo in pietra e mattoni ai lati e bassorilievo in marmo frontalmente. Bronzo per il vaso portafiori. Metallo per le due croci cristiane.
Stato di conservazione:
Ottimo
Ente preposto alla conservazione:
Informazione non reperita
Notizie e contestualizzazione storica:
Aldo Guidetti (“Barba”), nato a Campogalliano il 20 Agosto 1911, meccanico. Uno dei primi gappisti del Carpigiano. Partigiano comandante di distaccamento, appartenente alla 15a Brigata Garibaldi “Diavolo” (Divisione “Modena” Pianura). Dopo la sua morte la 22a Brigata Garibaldi prenderà il suo nome. Nel dopoguerra gli è stata conferita la medaglia d’Argento al Valor Militare alla Memoria.

Olivo Righi (“Nino”), nato a Carpi (Mo) il 13 Luglio 1923, cascinaro. Partigiano appartenente alla 15a Brigata Garibaldi “Diavolo” (Divisione “Modena” Pianura). Sepolto nel Sacrario dei Caduti partigiani del Cimitero di Carpi. Indicato anche con il nome di battaglia di “Olivo”.

La mattina del 29 Settembre 1944 mentre un gruppo composto da una ventina di partigiani, tra gappisti e sappisti, comandati da Aldo Guidetti, si trova a percorrere la strada Modena-Carpi, s’imbatte in una colonna ippotrainata tedesca. I partigiani, nascosti, lasciano passare il grosso del reparto poi si avventano su un gruppo di nemici rimasti un po’ più indietro e li disarmano. Proseguono poi verso Campogalliano dove in una casa trovano altri tedeschi che vengono anche loro privati delle armi.
Ma nel tardo pomeriggio la fortuna volta la faccia ai partigiani. Mentre si trovano a Saliceto Buzzalino vengono avvistati da un camion tedesco i cui militari a bordo cominciano ad aprire il fuoco. Aldo Guidetti ordina ai suoi uomini di circondare il nemico, ma una parte di essi non riesce nella manovra, impedita da un’alta recinzione di filo spinato . Allora ordina lo sganciamento e quando si alza per lanciare una bomba a mano, Guidetti è investito in pieno da una raffica che lo colpisce al petto, fulminandolo. Due partigiani, coraggiosamente e generosamente, strisciano verso il corpo del proprio comandante per portarlo fuori dal tiro nemico, perché il corpo non resti nelle loro mani.
Sopraggiunge, intanto, un altro camion di tedeschi e lo scontro aumenta d’intensità. Due soldati restano uccisi, mentre un terzo è ferito gravemente, così come lo è il partigiano Olivo Righi, colpito alla testa. Morirà il 10 Novembre successivo. Poi i partigiani, vista la disparità delle forze, decidono di ritirarsi senza subire altre perdite.

Contenuti

Iscrizioni:
QUI
ALLE ORE 18 DEL 29 – 9 – 44
TROVARONO LA MORTE IN COMBATTIMENTO
CONTRO I NAZIFASCISTI
I COMPAGNI
VOLONTARI DELLA LIBERTA’
ALDO GUIDETTI
E
OLIVO RIGHI
FACENDO OLOCAUSTO DELLA PROPRIA VITA
PER DARE AL POPOLO UN AVVENIRE
DI BENESSERE DI PACE E DI GIUSTIZIA
LA SEZIONE DEL PCI DI GANACETO
Simboli:
Due croci cristiane in metallo ai lati della stele, una per parte.

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery