4589 - Cippo a Francesco Tarroni – Alfonsine

Cippo in ricordo di Francesco Tarroni ucciso per rappresaglia dai tedeschi il 9 settembre 1944.

NOTA STAFF PIETRE:  questa pietra è stata censita dagli studenti dell’ ITI Nullo Baldini  e dell’I.C. San Biagio di Ravenna,  nell’ambito della 3^ed. 2015-16 per l’Emilia Romagna del Concorso “Esploratori della  Memoria”

Visualizza la mappa

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
Via Borse 128
CAP:
48011
Latitudine:
44.50785598366857
Longitudine:
12.02446237206459

Informazioni

Luogo di collocazione:
Lungo la via Borse.
Data di collocazione:
Non conosciuta
Materiali (Generico):
Pietra
Materiali (Dettaglio):
Cippo di pietra con l’iscrizione incisa e verniciata di nero sul quale è posta una colonna troncata di cemento. Fotografia in bianco e nero. Fioriera raccolta tra sassi di fiume.
Stato di conservazione:
Buono
Ente preposto alla conservazione:
Comune di Alfonsine
Notizie e contestualizzazione storica:
Nell’estate del ’44 si intensificarono le azioni partigiane contro i nazifascisti: verso la fine di agosto in un’imboscata vicino la via Borse venne attaccata una pattuglia di soldati tedeschi: uno venne ferito ed un altro ucciso. La terribile prassi del comando tedesco scatenò la caccia a dieci civili da uccidere per rappresaglia per vendicare il soldato ucciso. Il primo innocente che venne catturato fu proprio Francesco Tarroni, trentacinquenne, intento con altri suoi famigliari alla raccolta delle patate nei campi. Maltrattato, ferito con una pistola e poi trascinato per l’abitato fino alla sua impiccagione ad un lampione, con l’ordine di lasciarlo appeso alla corda per tre giorni. Tra le altre vittime che seguirono ci fu anche suo padre Antonio, ucciso a mitragliate.

Contenuti

Iscrizioni:
TARRONI FRANCESCO
N. 13-8-1909
M. 9-9-1944
VITTIMA
DELLA FEROCIA NAZISTA
QUI CADDE
Simboli:
Informazione non reperita

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery