6106 - Cippo a Guido Negri – Monte Colombara

Cippo in onore di Guido Negri  situato nel comune di Lusiana Censuario di Asiago sul Monte Colombara.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
Monte Colombara
CAP:
36046
Latitudine:
45.7746764
Longitudine:
11.551030999999966

Informazioni

Luogo di collocazione:
a lato di una mulattiera
Data di collocazione:
Informazione non reperita
Materiali (Generico):
Marmo
Materiali (Dettaglio):
Informazione non reperita
Stato di conservazione:
Buono
Ente preposto alla conservazione:
Comune
Notizie e contestualizzazione storica:
Fonte: http://www.padovagrandeguerra.it/?p=664
Era nativo di Este il “capitano santo”, Guido Negri, che meritò quell’appellativo per un episodio accaduto nel pomeriggio del 20 agosto 1915 e che fu ripreso dalla stampa cattolica italiana e internazionale. Dopo una notte di veglia e una mattinata di lavoro sulle trincee del monte Piana giunse alle tre del pomeriggio a ricevere la comunione dal cappellano militare. Lo racconta così Gastone Paccanaro:
«“Spero – disse il Cappellano – che non avrà voluto rimanere digiuno fino a quest’ora…“.
“Sì, sono digiuno – rispose il Tenente – ma la Santa Comunione basta da sé sola a saziare la mia fame“.
E ricevette la Santa Comunione.
All’appuntamento, nell’ora sacra della morte di Gesù, l’Ufficiale era giunto dopo aver vegliato tutta la notte con i suoi soldati, con i quali, per tutta la mattina seguente aveva lavorato a rafforzare le trincee e dopo aver camminato per picchi e rocce scoscese per almeno un paio d’ore.”»
Al di là di quest’episodio che gli dette celebrità, Guido Negri è una figura di grande interesse per la sua storia di combattente e per la sua spiritualità che lo portò a essere protagonista di una causa di beatificazione della chiesa padovana, che non andò a buon fine. Era nato nella cittadina euganea il 25 agosto 1888, orfano di padre e ultimo di 12 fratelli. Il suo sentimento religioso e patriottico fu chiaro fin dalla giovinezza e lo portarono da un lato a far parte della Società della Gioventù Cattolica e, discepolo di quello ce diventerà san Leopoldo, a entrare tra i terziari domenicani, dall’altro lato a prendere parte con fervore alle guerre in cui l’Italia si trovava impegnata indossando quella divisa che definì “la veste nusiale della Patria”.
Un-Capitano_santoRichiamato per la terza volta nell’esercito dopo la leva e, nel 1911-12, la guerra italo-turca, con il grado di capitano fu inviato, benché convalescente da una lunga malattia, con il 55° Fanteria sul monte Piana. Ricoverato nuovamente per la febbre alta, durante la successiva convalescenza si laurea in lettere a Padova. Nel 1916 torna al fronte nella 5a Compagnia del 228° Regimento nella neo costituita Brigata Rovigo. Muore il 27 giugno 1916, colpito dal fuoco nemico mentre risale le pendici del monte Colombara.
Il 3 giugno del 1917 gli viene conferita la Medaglia d’Argento al Valor militare, mentre solo nel 1934 la sua salma viene traslata dal cimitero di Gallio a quello di Este. Su di lui esiste una biografia, scritta da don Giuseppe Ghidaudo.
Durante la Seconda guerra mondiale, una nota brigata partigiana padovana fu intitolata al suo nome.

Contenuti

Iscrizioni:
NEL NOME DI GUIDO NEGRI IL CAPITANO SANTO CADUTO SU QUESTO MONTE IL 27 GIUGNO 1916 SI SUBLIMA LA BONTA' E LA FIEREZZA DELLA STIRPE
Simboli:
Informazione non reperita

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery