4643 - Cippo a Robusto Antonelli – Tavullia (PU)

Si tratta di un cippo commemorativo formato da un basamento a gradoni su cui è posta una pietra con in alto la fiamma dell’arma dei carabinieri. Sul basamento sono collocate due targhe: in una vengono riportati gli avvenimenti che hanno portato alla dedica del monumento al carabiniere Robusto Antonelli, nell’altra sono incisi il nome dell’autore e l’ anno di costruzione; è presente anche un bassorilievo raffigurante il volto dell’ eroe. Intorno al cippo, illuminato dal basso con un faretto, è stata posta una pavimentazione in pietra e marmo bianco.

Visualizza la mappa

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
Via Roma 76
CAP:
61010
Latitudine:
43.89806439379439
Longitudine:
12.752787213612464

Informazioni

Luogo di collocazione:
area pubblica a giardino davanti alla sede della Banca delle Marche, lato strada.
Data di collocazione:
fine 2012
Materiali (Generico):
Bronzo, Marmo, Ottone, Pietra, Altro
Materiali (Dettaglio):
Basamento in cemento su cui è stata posizionata una pietra con infissa, in metallo nero e rosso, una fiamma. Sul basamento sono posizionate due targhe in ottone ed un bassorilievo in bronzo.
Stato di conservazione:
Ottimo
Ente preposto alla conservazione:
Comune di Tavullia
Notizie e contestualizzazione storica:
L'opera è stata progettata dall'Accademia delle Belle Arti di Urbino per il comune di Tavullia, in onore di un concittadino morto per la patria.

Contenuti

Iscrizioni:
Robusto Antonelli carabiniere medaglia d'argento al V.M.
Costante e mirabile esempio di fermezza e coraggio. Il 1 settembre 1917, a Gorizia mentre apparteneva al 327° plotone mobilitato, destinato di servizio in immediato contatto della prima linea presso un incrocio di alcuni camminamenti. Fatto segno all'aggiustato fuoco nemico, quantunque allo scoperto si manteneva con stoica fermezza, calmo e sereno, al proprio posto, indicando la via ai rincalzi ed incitando con l'esempio e con l'energico contegno, i militari indecisi e riottosi finché non cadde colpito a morte da scheggia di granata avversaria. Gorizia 1° settembre 1917
Simboli:
Fiamma in metallo simbolo dell'arma dei carabinieri.

Altro

Osservazioni personali:
Monumento ben inserito nel contesto. Suggestiva di sera l'illuminazione a pavimento.

Gallery