9549 - Cippo ai Caduti dell’eccidio del Mulinaccio del 6/7/1944 – Arezzo

Il cippo è dedicato a 15 civili fucilati in questo luogo il 6 Luglio 1944 da militari tedeschi. Da Via C. Golgi si prende prende una rampa pedonale, segnalata da un apposito cartello, che scende verso il torrente Castro. Qui, in un ampio spiazzo, è collocato il manufatto, circondato per tre lati da un muretto in pietra con una soprastante recinzione in ferro. L’area in cui sorge è levigata. Su una triplice base a pianta quadrata, in cemento e marmo, poggia il corpo centrale del cippo, anch’esso a pianta quadrata. La parte frontale racchiude una lastra rettangolare di marmo sostenuta da quattro punzoni in bronzo. L’epigrafe qui presente ha i caratteri di color nero incastonati nel marmo. Il cippo termina con un obelisco marmoreo in cui sono apposte le fotografie in ceramica di tutte le vittime: ognuna ha impressa sotto di essa la data di nascita, formata da caratteri di color nero. Nella parte centrale vi sono i 6 Caduti della famiglia Roggi, ordinati per data di nascita. Su quella sinistra e con il medesimo criterio sono elencate le 4 vittime della famiglie Vestrucci e Chimenti. Infine, sul latro destro i due Martini (in ordine di nascita), il Pelini, il Romanelli ed il Bianchi. Accanto al manufatto è posto un pennone metallico in cui svetta il tricolore nazionale durante le celebrazioni. Il cippo era stato inaugurato nel Dopoguerra, ma il tempo e l’incuria avevano fatto perdere la memoria del tragico avvenimento. Grazie alla ferrea volontà e alla determinazione della famiglia Martini e dopo il restauro del cippo, nel 2008 è stata inaugurata l’area attuale rendendola fruibile alla comunità e finalmente commemorata dalle Istituzioni dopo 64 anni di oblio.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Località Mulinaccio
Indirizzo:
Via Camillo Golgi (pressi)
CAP:
52100
Latitudine:
43.473062
Longitudine:
11.859552

Informazioni

Luogo di collocazione:
Area verde a ridosso del torrente Castro
Data di collocazione:
Riqualificazione dell'area nel 2008
Materiali (Generico):
Bronzo, Marmo, Pietra, Altro
Materiali (Dettaglio):
Marmo per la base del cippo, per la lapide e per l'obelisco. Ceramica per le fotografie dei Caduti. Pietra per il corpo centrale del manufatto e per il muretto di protezione. Ferro per la recinzione. Metallo per il pennone. Bronzo per i punzoni che sorreggono la lapide.
Stato di conservazione:
Ottimo
Ente preposto alla conservazione:
Comune di Arezzo
Notizie e contestualizzazione storica:
Informazione non reperita

Contenuti

Iscrizioni:
Parte frontale:

ROGGI ANGIOLO
NATO IL 9 . 9 . 1881

ROGGI DONATO
NATO IL 3 . 8 . 1907

ROGGI NELLO
NATO IL 21 . 1 . 1913

ROGGI FERDINANDO
NATO IL 16 . 2 . 1923

ROGGI UMBERTO
NATO IL 30 . 6 . 1925

ROGGI BRUNO
NATO IL 29 . 5 . 1927

Lato sinistro:

VESTRUCCI ANGELO
NATO IL 30 . 3 . 1903

VESTRUCCI PRIMO
NATO IL 9 . 11 . 1927

CHIMENTI DOMENICO
NATO IL 25 . 11 . 1905

CHIMENTI FERNANDO
NATO IL 23 . 10 . 1926

Lato destro:

MARTINI DOMENICO
NATO IL 3 . 11 . 1911

MARTINI PASQUALE
NATO IL 28 . 3 . 1913

PELINI ILIO
NATO IL 19 . 12 . 1919

ROMANELLI GOFFREDO
NATO IL 16 . 8 . 1909

BIANCHI ANGELO
NATO IL 20 . 4 . 1906

A RICORDO PERENNE DEI 15 TRUCIDATI
DALLE ORDE TEDESCHE IN FUGA
IN QUESTO MEDESIMO LUOGO
LA SERA DEL 6 LUGLIO 1944

POSSA L'ESTREMO SACRIFICIO DI LORO
INERMI ED INNOCENTI
SEGNARE AGLI UOMINI
LA VIA DELLA FRATERNITA' E DELLA PACE
Simboli:
Non sono presenti simboli

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery