3374 - Cippo alle vittime delle rappresaglie – Montecassiano

Cippo con basamento a forma cubica e vertice a piramide in onore a tutte le persone trucidate dai tedeschi che ricorda, in particolare, l’uccisione di tre abitanti di Montacassiano anch’essi trucidati dai tedeschi. Il cippo si trova all’ingresso principale del Cimitero comunale di Montecassiano ed è posizionato su un basamento a due gradini, ornato con vasi di fiori e delimitato da una piccola catena. A vertice del cippo è stata collocata una lampada votiva. Su ogni lato della sommità del cippo c’è la foto con l’anagrafica delle tre persone trucidate dai tedeschi.

Visualizza la mappa

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
Viale Italia
CAP:
62010
Latitudine:
43.3672352
Longitudine:
13.440487899999994

Informazioni

Luogo di collocazione:
Cimitero comunale
Data di collocazione:
Informazione non reperita
Materiali (Generico):
Laterizio, Marmo
Materiali (Dettaglio):
Basamento in marmo, cippo in laterizio e marmo
Stato di conservazione:
Ottimo
Ente preposto alla conservazione:
Comune di Montecassiano
Notizie e contestualizzazione storica:
Rappresaglie dei tedeschi nel 1944
www.comune.montecassiano.mc.it

Lettera che descrive il contesto dell'uccisione delle tre persone trucidate dai tedeschi, conservata nell'archivio comunale di Montecassiano avente per oggetto: "Rappresaglie delle truppe tedesche" indirizzata al Prefetto di Macerata in data 10 settembre 1944:

"Il 30 giugno 1944 in località adiacente Villa Perozzi in località Valle Cascia del Comune di Montecassiano, ove era la sede del comando delle truppe tedesche qui di passaggio, sono stati fucilati i coloni mezzadri Bracalenti Nazareno ed Augusto (padre e figlio), Stacchietti Giuseppe e Sante (padre e figlio) e Mengoni Armando. Detti coloni che abitavano con le famiglie rispettive, in località S. Egidio di Montecassiano, in prossimità del fiume Potenza, erano stati prelevati dai tedeschi nelle rispettive abitazioni, mentre erano al lavoro nelle stalle sul finire della sera, come ostaggi per l'avvenuto ferimento di un soldato ad opera di un patriota della vicina Villa Potenza riuscito, dopo il ferimento, a fuggire ed a occultarsi. Si dice che prima della fucilazione le vittime abbiano subito sevizie e maltrattamenti." Il Sindaco.

Contenuti

Iscrizioni:
Armando Mengoni 6 1 1905 30 6 1944
Giuseppe Stacchietti 22 1 1889 30 6 1944
Nazareno Bracalenti 13 6 1895 30 6 1944

Ai trucidati dai tedeschi
Simboli:
Sono presenti le sole foto delle persone uccise

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery