6856 - Cippo in memoria dei partigiani fucilati il 17 maggio 1944- Cantiano (PU)

Il 17 maggio 1944 furono fucilato dai fascisti, presso il cimitero di Cantiano, Francesco Tumiati, medaglia d’oro al valor militare, l’avvocato slavo Batric Bulatovic e Giuro Kuzeta di 17 anni. Sul luogo della fucilazione, fu eretto nel 1991 un monumento in loro onore.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
Nei pressi del cimitero
CAP:
61044
Latitudine:
43.4764227
Longitudine:
12.629302000000052

Informazioni

Luogo di collocazione:
A ridosso del muro del cimitero, nella parte esterna antistante la zona del parcheggio
Data di collocazione:
1991
Materiali (Generico):
Bronzo, Pietra
Materiali (Dettaglio):
Pietra dalla sagomatura irregolare riportante le iscrizioni bronzee in rilievo
Stato di conservazione:
Buono
Ente preposto alla conservazione:
Amministrazione Comunale di Cantiano
Notizie e contestualizzazione storica:
Il 5 maggio, su decisione del Comando di Brigata, era stata assaltata con un’azione combinata, la caserma di Cagli, sede della stazione dei carabinieri ma presidiata soprattutto da un drappello della g.n.r. (guardia nazionale repubblichina), impresa che presentava molteplici difficoltà. Il compito di punta venne affidato proprio al distaccamento Dini della V Brigata Garibaldi comandato da Francesco Tumiati (Francino), che sarebbe dovuto essere il primo a fare irruzione nella caserma, dove abitava anche la famiglia del maresciallo dei carabinieri. A causa di un errore, l’esplosivo fece crollare non solo il portone d’entrata ma gran parte della struttura, sconvolgendo il piano d’attacco. Il presidio fascista – più precisamente gli uomini che non erano rimasti sotto le macerie – ebbe modo di aprire il fuoco e i partigiani risposero, innescando uno scontro feroce e imprevisto. L’episodio ebbe notevole eco e tutti, partigiani e civili, aspettavano la reazione dei nazifascisti che nei giorni successivi intensificarono la loro presenza nella zona, accrescendo il clima di terrore. Il Comando di Brigata aveva diffuso l’ordine di disperdersi, nascondere le armi e allontanarsi dalla zona preferibilmente di notte e a piedi. L’appuntamento di ritrovo venne fissato per il successivo 17 maggio nella zona di San Polo, sopra Cantiano. Ma in seguito, con l’intensificarsi della repressione, il Comando revocò l’ordine di adunata sebbene, con ogni probabilità, non tutti ne vennero a conoscenza e in molti sottovalutarono la decisione. Tumiati, anche se provato per la fatica fisica e per alcuni problemi di salute, decise di recarsi all’appuntamento. Lo seguirono Bulatovic Batric e Kuzeta Djuro. Quella mattina, nei pressi della casa colonica della famiglia Rabbini, a San Polo, furono fermati da militi nazifascisti , condotti a Cantiano e sottoposti a un processo sommario. Rifiutando ogni compromesso, furono fucilati dopo poche ore.

Contenuti

Iscrizioni:
IN MEMORIA
DEI CADUTI PER LA LIBERTA'
TUMIATI FRANCESCO MED. D'ORO
BULATOVIC BATRIC SLAVO
KUZETA GIURO SLAVO
FUCILATI IN QUESTO LUOGO
DAI NAZIFASCISTI IL 17.5.1944
Simboli:
Informazione non reperita

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery