154044 - Lapide a ricordo dei profughi ospitati nel Campo dal 1945 al 1955 – Servigliano (FM)

La lapide si trova all’ingresso dell’attuale Parco della Pace di Servigliano, ex Campo profughi.

Visualizza la mappa

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Centro Storico
Indirizzo:
Parco della Pace
CAP:
63839
Latitudine:
43.0786853
Longitudine:
13.489673100000005

Informazioni

Luogo di collocazione:
Parco della Pace (ingresso)
Data di collocazione:
12 febbraio 2005
Materiali (Generico):
Marmo
Materiali (Dettaglio):
Marmo bianco, la scritta si legge a fatica poichè completamente scolorita.
Stato di conservazione:
Insufficiente
Ente preposto alla conservazione:
Comune di Servigliano
Notizie e contestualizzazione storica:
Dal settembre del 1945 al Campo cominciarono ad affluire i primi profughi
giuliano dalmati che furono costretti a fuggire da quelle terre a causa delle
tensioni che si svilupparono tra l’Italia e la Jugoslavia del maresciallo Tito,
. Arrivarono anche profughi dalle ex-colonie italiane in Africa, Libia ed
Etiopia, che gi aggiungevano al flusso crescente di italiani che
abbandonavano i territori occupati dall’esercito jugoslavo al di là
dell’Adriatico. In dieci anni, dal 1945 al 1955, sono passati dal Campo oltre
40.000 persone.

Contenuti

Iscrizioni:
Tra il 1945 ed il 1955 in questo campo trasformato in Centro raccolta profughi
passarono circa 50000 persone.
Chi proveniva dai territori giuliano-dalmati, chi dalle ex colonie dell'Africa, chi dall'Albania, dalla Romania e dalla Grecia
Ognuno portava con sè dolore e vicende di partenze forzate, ma qui trovarono accoglienza materiale ed umana.
qui si stabilirono amicizie, si celebrarono matrimoni, si nacque e si morì.
La loro storia sia di monito affinchè nessuno debba più soffrire a causa di discriminazioni culturali, religiose, politiche e razziali.
Il Comune di Servigliano nel cinquantesimo della chiusura
12 febbraio 2005
Simboli:
Informazione non reperita

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery