10087 - Lapide al colonnello-medico Valentin Müller – Assisi

Lapide composta da tre elementi, una con immagine e due con solo scritto, posta a ricordo del Colonnello medico Valentin Muller della Wermacht. Fu governatore militare di Assisi durante la fase cruciale della seconda guerra mondiale. Contribuì al salvataggio di centinaia di feriti e malati appartenenti a tutte le forze belligeranti e della città, facendola dichiarare dal comando supremo tedesco Città ospedaliera,tutelando i molti ebrei rifugiati, sotto false identità, nei conventi e case religiose di Assisi.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Assisi
Indirizzo:
Viale Vittorio Emanuele II - SR 147
CAP:
06081
Latitudine:
43.070891
Longitudine:
12.608413

Informazioni

Luogo di collocazione:
Mura all'inizio del viale
Data di collocazione:
Maggio 2006
Materiali (Generico):
Bronzo
Materiali (Dettaglio):
Tre elementi in bronzo
Stato di conservazione:
Buono
Ente preposto alla conservazione:
Comune di Assisi
Notizie e contestualizzazione storica:
Nel settembre del 1943 il colonnello medico Müller divenne governatore militare di Assisi. Grazie anche alla sua complicità, ad Assisi padre Rufino Niccacci poté condurre una organizzazione clandestina per salvare ebrei perseguitati. Questi rifugiati, camuffati da monaci e suore, trovarono riparo dietro alle mura dei conventi. Per Müller, convinto cattolico, era inaccettabile la distruzione di chiese, monasteri e delle opere d'arte in essi racchiuse. Il fronte che si stava avvicinando, così il colonnello Müller giunse alla conclusione che, per salvare la città e i rifugiati, era necessario dichiarare ufficialmente Assisi “città ospedale”. Müller convinse il Feldmaresciallo Kesselring a far dichiarare Assisi zona franca ospedaliera. Per il suo operato Müller godette di molta stima sia da parte dei tedeschi che degli italiani. Un modo di dire degli abitanti era: “Abbiamo tre protettori: Dio, San Francesco e il colonnello Müller“. Persino i partigiani dettero l'ordine che “nessuno doveva torcere un capello” al colonnello. Al momento della ritirata delle truppe tedesche, Müller lasciò grandi quantità di preziose medicine e attrezzature mediche. Nel 1950 venne invitato ad Assisi insieme alla sua famiglia. Tutta la città lo accolse come un eroe.

Contenuti

Iscrizioni:
LASTRA PRINCIPALE
Nel cerchio inscritto in un quadrato si trova il ritratto del dott. Muller (solo viso) anno di nascita 1891 (a sinistra) data della morte 1951 (a destra)
Sopra al cerchio l’iscrizione IN MEMORIAM
Sotto il cerchio l’iscrizione DR. VALENTIN MULLER

LASTRA SOTTO
KATH-STUDENTEN-VERBINDUNG-NORMANNIA-WURZBURG
DEO ET (piccolo stemma non comprensibile)AMICO

ISCRIZIONE A LATO
Dott. Mueller, colonello e medico tedesco, ha prodetto la città di Assisi e tutte le persone affidategli dagli orrori della guerra nel 1943/44
Dr. Muller, deutscher Oberstarzt und Standortkommandant, schutzte Assisi und die ihn Anvertrauten vor den Schrecken des Krieges 1943/44
(Come si può vedere, nelle iscrizioni secondarie sono presenti dei refusi)
Simboli:
Volto in rilievo del colonnello medico

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery