5673 - Lapide Medaglia d’Oro al Valor Militare a Bassano del Grappa

La grande lapide in marmo rettangolare, riporta la motivazione con cui venne concessa la Medaglia d’Oro al Valor Militare per meriti partigiani dalla Repubblica italiana alla Città di Bassano del Grappa il 23 settembre 1946. E’ affissa alla parete settentrionale della Chiesa di San Francesco mediante quattro ganci di ferro. L’iscrizione è in caratteri bronzei in rilievo. Agli estremi superiori della lapide si trovano, in rilievo, lo stemma del Comune di Bassano del Grappa e quello della Repubblica Italiana, entrambi in bronzo.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
Piazza Giuseppe Garibaldi
CAP:
36061
Latitudine:
45.76690271153208
Longitudine:
11.735403388738632

Informazioni

Luogo di collocazione:
Parete esterna settentrionale della Chiesa di San Francesco
Data di collocazione:
Informazione non reperita
Materiali (Generico):
Bronzo, Marmo, Altro
Materiali (Dettaglio):
Marmo per la lapide. Bronzo per i caratteri dell'iscrizione e per gli stemmi della Città di Bassano del Grappa e della Repubblica italiana. Ferro per i ganci che la sostengono.
Stato di conservazione:
Ottimo
Ente preposto alla conservazione:
Comune di Bassano del Grappa
Notizie e contestualizzazione storica:
Informazione non reperita

Contenuti

Iscrizioni:
MOTIVAZIONE DELLA MEDAGLIA D'ORO
AL VALOR MILITARE CONCESSA ALLA CITTA' DI
BASSANO DEL GRAPPA

FRA BRENTA E PIAVE, PER I VENTI MESI DI OCCUPAZIONE NAZISTA, I
SUOI VOLONTARI DELLA LIBERTA' HANNO COMBATTUTO IN EPICHE GESTA DI GUERRA E DI LOTTA
CONTRO IL NEMICO INVASORE. LA NOBILE CITTA' COL TERRITORIO DEL GRAPPA SACRIFICAVA SULLE
FORCHE 171 GIOVANI VITE E IMMOLAVA 682 SUOI FIGLI DAVANTI AI PLOTONI DI ESECUZIONE
SOPPORTAVA IL MARTIRIO DI 804 DEPORTATI E DI 3270 PRIGIONIERI E LA DISTRUZIONE DI 700
CASE INCENDIATE. SANGUINANTE PER TANTA INUMANA FEROCIA,, MA NON DOMO, IL SUO POPOLO
IMBRACCIAVA LE ARMI ASSIEME AI PARTIGIANI E NELLE GLORIOSE GIORNATE DAL 25 AL 29
APRILE FERMAVA IL NEMICO SUL BRENTA COSTRINGENDOLO ALLA RESA. ESEMPIO PURISSIMO
DI ARDENTE ITALIANITA', CONFERMAVA ANCORA UNA VOLTA NELLA GUERRA DI LIBERAZIONE COL
SANGUE DEI SUOI FIGLI MIGLIORI, LE EROICHE TRADIZIONI DI COSPIRAZIONE E DI SACRIFICIO
DEL “48”E DEL “66” E LE FULGIDE GIORNATE DEL “17” E DEL “18” (SETTEMBRE 1943 – APRILE 1945)

ROMA 6 SETTEMBRE 1949

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
ALCIDE DE GASPERI
Simboli:
Stemma Comunale della Città di Bassano del Grappa e stemma della Repubblica Italiana.

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery