8751 - Lastra alla tenuta austroungarica del Monte Colombaro – Ombaro di Lusiana

Lapide in cemento su pietra risalente alla prima guerra mondiale di forma rettangolare (60 X 80) cm.  si trova nel comune di Lusiana Censuario di Asiago ad altitudine 1796 m. Ricorda la tenuta del Monte Colombaro da parte delle truppe austriache.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Lusiana Cesuario di Asiago
Indirizzo:
Via Vitarolo, 6
CAP:
36012
Latitudine:
45.78832248573302
Longitudine:
11.573499110559055

Informazioni

Luogo di collocazione:
parete rocciosa alle coordinate N: 45°56’509’’ E: 011°31’122’’
Data di collocazione:
1916/1917
Materiali (Generico):
Pietra, Altro
Materiali (Dettaglio):
cemento su pietra
Stato di conservazione:
Buono
Ente preposto alla conservazione:
Informazione non reperita
Notizie e contestualizzazione storica:
Tratto da sito in lingua tedesca
http://m-kummer.de/wk1.html
Il 4 maggio 1916, gli orologi furono presentati nell'intera armata kuk e in tutte le sezioni anteriori di un'ora, dal momento che dal 30/04/1916 in Austria-Ungheria e il Reich tedesco per la prima volta fu introdotta l'ora legale.
Assault Italy 1916 L'attacco di XX. Il Corpo iniziò il 17 maggio 1916; l'IR 73 era pronto nelle posizioni di partenza lungo la linea Folgaria - Lavarone (altopiano di Trento). Alla IV e alle parti di I. Baon fu assegnato il compito di attaccare la cresta della Marcai in associazione con altre truppe. Nel pomeriggio del giorno di attacco, il cappellano del reggimento visitò le compagnie selezionate per l'attacco e emise un'assoluzione generale. Agli uomini furono dati speciali equipaggiamenti per granate, grosse tagliafili, bagliori rossi per chiamare la raffica di artiglieria, verde per avvertire l'artiglieria che i colpi erano troppo corti e bianchi per segnare la posizione delle loro linee. Ogni uomo doveva attaccare una striscia di lino bianca sul retro del suo berretto da campo,
Il 20 maggio 1916 iniziò dopo un tiro di artiglieria di un'ora l'assalto dell'IR 73, ma fallì a causa degli ostacoli del filo italiano e del massiccio fuoco di artiglieria nemico. Dopo quasi 12 ore di combattimenti, l'attacco fu fermato dal commando del reggimento nel tardo pomeriggio e le compagnie avrebbero dovuto passare la notte in copertura. Durante la notte e la mattina seguente c'erano sempre contrattacchi italiani più piccoli, che però potevano essere respinti. La mattina del 21 maggio 1916 fu emesso il nuovo ordine di attacco del reggimento e in serata la posizione di Malga Costa poteva essere presa nonostante la forte opposizione. Nei giorni seguenti le posizioni sul Monte Meletta e sul Monte Zomo furono assalite. Ma alla fine, queste battaglie non furono un vero successo l'altitudine prese alternativamente ripetutamente tra gli italiani e gli austriaci. Inoltre, l'AOK ha dovuto cambiare i suoi piani per l'offensiva italiana a causa delle pesanti perdite sul fronte russo. Diverse divisioni furono ritirate in Alto Adige e sul fronte dell'Isonzo e trasferite sul fronte orientale. La tattica offensiva dell'esercito kuk è stata ora trasformata in una tattica di combattimento posizionale. Cannone Skoda 15 cm M80 L'IR 73 occupava la posizione permanente nell'area del Monte Zebio. A metà luglio del 1916, nella zona dei "sette comuni", si svolgevano pesanti battaglie difensive, un altopiano con sette località a nord di Vicenza e ad ovest di Bassano del Grappa a circa 700-1.200 metri di altitudine.
I sette comuni divennero il fronte immediato e la scena di alcune delle più aspre battaglie della guerra delle Dolomiti. I villaggi furono ridotti in macerie e dal momento che giacevano sul versante italiano della linea del fronte, i loro abitanti si trasferirono nella Pianura Padana. Le battaglie di posizione compiute nei mesi successivi, che non hanno portato guadagni di spazio, hanno chiarito che per il 73 ° Reggimento era inevitabile uno svernamento a questa altitudine esposta.
Alla fine di luglio, un'offensiva italiana sul fronte dell'Isonzo e il comando dell'esercito trasferirono truppe importanti sul fronte. In questo momento, come in tutte le sezioni del fronte kuk, le truppe tradizionali hanno iniziato a cambiare. Compagnie, semi-battaglioni e battaglioni furono rimossi dai reggimenti e assegnati ad altre associazioni di nuova formazione. A causa della costante reintegrazione dei reggimenti di campo con le associazioni sostitutive dalla madrepatria, una struttura reggente omogenea non era più disponibile in ogni caso. A seconda della situazione tattica, gli ufficiali con esperienza e sottocapitoli sono stati trasferiti da un'associazione all'altra per compensare l'elevata perdita di personale dirigente. L'IR 73 doveva occupare le posizioni sul Monte Colombaro (quota 1.827m).

Da marzo 1916 al settembre 1916 ha combattuto il reggimento:
18.03.-1916/05/04 posa Trento
06.04.-1916/05/13 In previsione dell'attacco
14-05 / 19/1916 Breakthrough Battaglia di Folgaria-Lavarone
Einsatzraum IR 73, Alto Adige 1916 1916/05/20 lotta per Marcai indietro
21.05 0,1916 presa della Marcai-back
22-05 / 25/1916 la conquista del Monte Meata
25-27 / 05/1916 presa della Monte Mosciach
28-05 / 30/1916 conquista di Longara indietro
31.05.-1916/02/06 presa della Monte Zomo
03. -08.06.1916 storming l'altezza Stenfle
24-06 / 30/1916 il trasferimento al posto fisso
01.-1916/07/24 battaglia difensiva nei sette comuni
25.07.-05.09.1916 Riorganizzazione dell'occupazione e posizione sul Monte Colombaro La valanga invernale 1916-1917

Contenuti

Iscrizioni:
K.I.
COL OMBARO
IV. BAON.
B-H.I.R. N° 2
1916-1917
Simboli:
Informazione non reperita

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery