3693 - Lastra ad Adele Zara – Oriago

Lastra commemorativa in marmo, di insolita forma rotonda, posta in memoria di Adele Zara che salvò la famiglia Levi di origine ebrea (Carlo, Fulvia ed Elisa) dall’olocausto, nascondendola in casa sua e proteggendola dai nazisti.

Visualizza la mappa

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Oriago
Indirizzo:
Riviera S.Pietro 125
CAP:
30034
Latitudine:
Longitudine:

Informazioni

Luogo di collocazione:
Oriago, facciata della casa privata di Adela Zara
Data di collocazione:
08/12/2000
Materiali (Generico):
Marmo
Materiali (Dettaglio):
Lastra circolare con le iscrizioni incise sulla pietra.
Stato di conservazione:
Ottimo
Ente preposto alla conservazione:
Amministrazione comunale
Notizie e contestualizzazione storica:
Adele Zara, infermiera veneziana di Oriago, nel 1943 aveva sessantun anni, era vedova da tre anni, aveva sette figli, nuore e nipoti che abitavano quasi tutti con lei. In quel periodo protegge e accoglie la famiglia Levi (il padre Carlo, la madre Elisa e la figlia Fulvia) che stava scappando da Trieste dall'occupazione militare tedesca dopo l'8 settembre 1943.
Adele Zara è stata proclamata “Giusta tra le Nazioni” il 25 febbraio 1996 dalla commissione dello Yad Vashem a Gerusalemme.

Contenuti

Iscrizioni:
Lungo la circonferenza della lapide si legge
CHIUNQUE SALVA UNA VITA SALVA L'UNIVERSO INTERO
ORIAGO 8.12.2000
LA FAMIGLIA E L'AMMINISTRAZIONE DI MIRA.
Al centro ci sono queste parole scritte
TRA IL 1943
E IL 1945 PARTE DELLA
FAMIGLIA LEVI DI TRIESTE TROVO'
RIFUGIO IN QUESTA CASA PER VOLONTA' DI
ADELE ZARA
(1882 - 1969)
SFUGGENDO ALLA DEPORTAZIONE NAZISTA
PER QUESTO IL NOME DI ADELE
E'INCISO NEL GIARDINO DEI
GIUSTI DELLE NAZIONI A
GERUSALEMME.
Simboli:
Non sono presenti simboli

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery