9842 - Monumento ai Caduti di Mondonio (Castelnuovo Don Bosco)

Monumento in pietra e marmo, articolato in tre parti: corpo centrale su cui sono ricordati i Caduti nella Grande Guerra; sommità con la data di collocazione (in alto) e la scritta MONDONIO; al centro un piccolo bassorilievo, un elmo, due spade, rami di alloro. In posizione sottostante, lastra in marmo su cui sono apposti i nomi dei Caduti nella seconda guerra mondiale e nella guerra di Liberazione. Antistante al monumento un piccolo giardino e ai lati due tassi. E’ presente la bandiera italiana.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Mondonio s.d.s.
Indirizzo:
P.zza Conte Balbo
CAP:
14022
Latitudine:
45.040389
Longitudine:
7.993201

Informazioni

Luogo di collocazione:
Piazza centrale della frazione di Mondonio, sulla scala doppia che conduce alla Canonica.
Data di collocazione:
1920
Materiali (Generico):
Marmo, Pietra
Materiali (Dettaglio):
Basamento in pietra, lastre in marmo; cancellata in ferro, con pomelli in ottone
Stato di conservazione:
Sufficiente
Ente preposto alla conservazione:
Associazione Alpini, Associazione biblioteca san Domenico Savio
Notizie e contestualizzazione storica:
La pietra é stata collocata, dopo aver richiesto (come da documenti rinvenuti presso l'archivio del Comune di Castelnuovo don Bosco) il permesso del parroco di quel tempo, don Origlia Francesco, in quanto da porre proprio di fronte all'ingresso della canonica.
Alla costruzione del monumento contribuirono numerose famiglie di Mondonio. Durante una ricerca condotta dall'Associazione Biblioteca san Domenico Savio nel 2013 presso l'Archivio del Comune di Castelnuovo Don Bosco é stato ritrovato l'elenco delle famiglie di Mondonio che hanno  contribuito, con le loro offerte, alla costruzione del monumento. Di seguito si riporta il suddetto elenco.

ELENCO OFFERTE PER MONUMENTO CADUTI  Mondonio:

SIGNORA FRESIA TERESINA  E FIGLI 200 lire
FRESIA LUIGI 100
PENASSO FRANCESCO 100
MOLINO DOMENICO 100
MUSSO UGO 100
BALOCCO LUIGIA 100
SAVIO GIUSEPPE FU LUIGI 100
SAVIO CLEMENTE 50
DON PIETRO TRINCHERO 50
AGAGLIATE CARLO FU SEBASTIANO 50
GARESIO GIOVANNI FU SEBASTIANO 50
GARESIO FRANCESCO FU GIACOMO 50
PENASSO CARLO 50
PENASSO VINCENZO 50
PENASSO FRATELLI FU GIOVANNI 50
CERRUTI PAOLO FU CELESTINO 50
DEIDERI SILVIO 50
BIGLINO CARLO 50
MUSSO FRATELLI FU GIOVANNI 50
ARATO GIOVANNI FU FRANCESCO 50
SERRA LUIGI FU FELICE 50
CERRUTI FRANCESCO FU CARLO 50
CERRUTI GIUSEPPE FU CARLO 50
SAVIO LUIGI FI BATTISTA 50
CERRUTI PAOLO DI FRANCESCO 50
VALENZA GIOVANNI 50
SERRA GIACOMO DI CARLO 50
CANDELO GIOVANNI 30
DEIDERI GIOVANNI FU GIACOMO 30
QUIRICO BARTOLOMENO 26
MUSSO ALESSANDRO FU LUIGI 25
FAUSONE GIOVANNI FU ANTONIO 25
PENASSO VITTORIO 25
VALENZA CARLO 25
BORDIGLIA LUIGI FU CARLO 25
SERRA GIACOMO FU CESARE 25
DEIDERI GIUSEPPE FU BATTISTA 20
BOGLIETTI CARLO DI GIUSEPPE 20
ROBINO FELICE DI LUIGI 20
CASTELLA EUGENIO FU LUIGI 20
ROBINO LUIGI 20
SERRA FELICE  FU FRANCESCO 20
DEIDERI PIETRO 20
MUSSO GIOVANNI FU EFISIO 15
GARESIO EUGENIO FU BATTISTA 10
BERTELLO GIOVANNI FU LUIGI 10
TOTALE 1921
Il giardino antistante è curato dal capogruppo Sergio Luciano e dalla locale associazione culturale Biblioteca san Domenico Savio. Sulla cancellata, a sinistra, il 4 novembre 2014, in occasione del centenario della Grande Guerra, é stata apposta una targa con le parole del canto alpino Stelutis Alpinis e i nomi delle cime della Grande Guerra.

Contenuti

Iscrizioni:
(sul monumento)
1920 / MONDONIO AI CADUTI

(sulla lastra, in alto, Caduti della prima guerra mondiale)
Agagliate Luigi 1890
Bordiglia Francesco 1887
Bordiglia Mario 1894
Deideri Francesco 1899
Deideri Luigi 1890
Fausone Enrico 1898
Penasso Giacomo 1882
Penasso Umberto 1891
Savio Augusto 1894
Serra Carlo 1892
Serra Giovanni 1880
Serra Giuseppe 1896
Serra Giuseppe 1892
Serra Silvio 1878
Musso Mario 1898

(sulla lastra, in basso)
CADUTI PER LA PATRIA
1940-1945
Agagliate Angelo 1925
Castella Enrico 1910
Fiabane Federico 1912



Simboli:
Foglie di quercia, foglie di alloro, elmo, due spade, stella

Altro

Osservazioni personali:
Lo spazio antistante il monumento vede con continuità nel tempo le due manifestazioni di carattere civile dedicate al ricordo delle due guerre mondiali: 25 Aprile e 4 Novembre. In queste occasioni dinanzi al Monumento alcuni giovani in collaborazione con l'Associazione Biblioteca leggono passi di diari, poesie relative agli eventi storici ricordati. La storia della frazione annovera la Festa in onore dei Caduti e di coloro che hanno fatto ritorno dalla Grande Guerra, nell'anno 1925, anno in cui alla presenza della Banda municipale, della popolazione e dei reduci che in quell'occasione avevano rivestito i panni del Soldato, si festeggiò la fine della Grande Guerra e la Vittoria. A seguito di tale manifestazione, il Re inviò un telegramma di congratulazioni per "la festa patriottica".

Gallery