9780 - Monumento al Mar. Magg. Vincenzo Giudice – Comando Provinciale G.d.F. – Massa Carrara

Monumento a ricordo del Maresciallo Maggiore della Guardia di Finanza Vincenzo Giudice, che offriva la propria vita per salvare civili innocenti dalla rappresaglia dei tedeschi del 16 settembre 1944. Il monumento è addossato a parete, posto in un’aiuola semicircolare; si compone di una base a parallelpipedo sormontata da un bassorilievo, raffigurante l’eroe tra due donne, racchiuso da cornice marmorea; ai piedi è una stele con la motivazione del conferimento della Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Visualizza la mappa

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Bergiola Foscalina
Indirizzo:
Via Fratelli Bandiera, 19
CAP:
54033
Latitudine:
44.0662019
Longitudine:
10.122355

Informazioni

Luogo di collocazione:
Cortile della ex scuola elementare di Bergiola Foscalina
Data di collocazione:
19/10/1958
Materiali (Generico):
Marmo
Materiali (Dettaglio):
Monumento e stele in marmo; iscrizioni incise e colorate di rosso.
Stato di conservazione:
Buono
Ente preposto alla conservazione:
Comune di Carrara
Notizie e contestualizzazione storica:
Maresciallo Maggiore Vincenzo Giudice, sottufficiale della Guardia di Finanza allora Comandante della Brigata di Marina di Carrara, immolò la propria vita nel vano tentativo di salvare numerosi ostaggi dei nazifascisti, fra i quali la moglie Margherita e i due figli Anna Maria e Marcello. Per tale eroico comportamento è stato decorato di Medaglia d'’Oro al Valor Militare.
La lapide è stata inaugurata dal Comandante della Guardia di Finanza Domenico Fornara.

Contenuti

Iscrizioni:
(Sul monumento)
AL MARESCIALLO MAGGIORE GUARDIA DI FINANZA
VINCENZO GIUDICE
MEDAGLIA D'ORO AL VALOR MILITARE
IL CORPO DELLA GUARDIA DI FINANZA

(Sulla stele)
MEDAGLIA D'ORO AL VALOR MILITARE ALLA MEMORIA
DEL M.M. VINCENZO GIUDICE
MOTIVAZIONE
SOTTUFFICIALE DELLA GUARDIA DI FINANZA, AVVERTITO CHE
LA RAPPRESAGLIA TEDESCA SI APPRESTAVA A MIETERE VITTIME
INNOCENTI FRA LA POPOLAZIONE CIVILE, SI PRESENTAVA AL COMANDANTE LA FORMAZIONE "SS"” OPERANTE OFFRENDO LA PROPRIA VITA PUR CHE FOSSERO SALVI GLI OSTAGGI TRA I
QUALI LA MOGLIE E LA FIGLIA. DI FRONTE ALL’'OBIEZIONE ESSERE
EGLI UN MILITARE, SI LIBERAVA PRONTAMENTE DELLA GIUBBA
ED OFFRIVA IL PETTO ALLA VENDETTA NEMICA. CRIVELLATO
DI COLPI, PRECEDEVA I CIVILI SULL'’ALTARE DEL MARTIRIO.
BERGIOLA FOSCALINA DI CARRARA, 16 SETTEMBRE 1944
Simboli:
Ai lati del bassorilievo sono due fregi della fiamma della Guardia di Finanza.

Altro

Osservazioni personali:
Il monumento è in buono stato di conservazione.

Gallery