10121 - Lapide ai Caduti dell’eccidio del 26/4/’44 – Valdiola di S. Severino Marche

Il 26 Aprile 1944 la zona di San Severino Marche fu investita da un nuovo rastrellamento nazifascista volto ad annientare la presenza dei partigiani del Battaglione “Mario”, comandato dall’istriano Mario Depangher. E’ in tale occasione che a Valdiola si compì la tragica sorte di Venturino ed Armando Falistocco, padre e figlio qui residenti, del garzone Giuseppe Poeta e del carbonaio Mario Costantini. Accusati di aver ospitato i partigiani, furono tutti fucilati sull’aia da militari tedeschi, mentre la casa ed il fienile venivano dati alle fiamme. La lapide in loro ricordo si trova in una specie di edicola costruita a ridosso della parte posteriore del fienile. E’ una struttura in laterizio con un apposito incavo nel quale è stata collocata una lastra rettangolare in marmo bianco e sulla quale è stata incisa l’epigrafe con i nomi delle quattro vittime. Intorno a questa lapide è stata inserita una cornice in marmo grigio. Una seconda lastra marmorea, di forma approssimativamente rettangolare e molto più piccola, è stata sovrapposta in posizione centrale nella parte superiore della precedente, sostenuta da quattro ganci di metallo: qui sono state inserite le fotoceramiche dei due Falisticco, racchiuse in una cornice di bronzo. Nella volta in mattoni che racchiude la lapide, una piccola lastra trapezoidale in marmo incastonata al centro, reca incisa la data dell’eccidio. Tutti i caratteri sono stati riempiti con vernice di color nero. Infine, sulla sommità dell’edicola, un’apposita nicchia con volta a tutto sesto, custodisce un’immagine della Madonna.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Località Valdiola
Indirizzo:
CAP:
62027
Latitudine:
43.293279
Longitudine:
13.106876

Informazioni

Luogo di collocazione:
Parete esterna di edificio privato.
Data di collocazione:
Informazione non reperita
Materiali (Generico):
Bronzo, Laterizio, Marmo, Altro
Materiali (Dettaglio):
Laterizio per la struttura dell'edicola. Marmo per la lapide su cui è incisa l'epigrafe, per la lastra su cui sono collocate le fotografie di due Caduti e per quella con inciso la data dell'eccidio. Marmo grigio per la cornice posta intorno alla lapide principale. Ceramica per le fotografie di due Caduti. Bronzo per la cornici che ne racchiudono le immagini.
Stato di conservazione:
Buono
Ente preposto alla conservazione:
Informazione non reperita
Notizie e contestualizzazione storica:
Informazione non reperita

Contenuti

Iscrizioni:
26 APRILE 1944
FALISTOCCO ARMANDO
FALISTOCCO VENTURINO

PASSEGGERO
Ricordati e ricorda ai tuoi figli
che noi qui siamo rimasti uccisi
e bruciati senza colpa, solo per
aver difeso la libertà della no =
stra Patria e della nostra
fede.
Ti chiediamo la carità di una prece.

MARIO COSTANTINI
ARMANDO FALISTOCCO
VENTURINO FALISTOCCO
GIUSEPPE POETA
Simboli:
Non sono presenti simboli

Altro

Osservazioni personali:
Coordinate Google Maps: 43.293279 13.106876

Gallery