3486 - Monumento ai Caduti modenesi nella Grande Guerra

Viste le numerose vittime di guerra, nel 1921 l’Amministrazione Comunale stabilì di destinare uno spazio all’interno del Cimitero di San Cataldo al fine di commemorare i Caduti di Modena nella prima guerra mondiale. Inizialmente il monumento sarebbe dovuto essere collocato all’interno della Quadra, ma per cause logistiche si preferì spostare l’intero complesso dentro un’edicola-ossario al momento della decennale riesumazione dei cadaveri. Nella parte centrale del monumento, sotto due elevate iscrizioni in latino, si trova un’artistica scultura che raffigura un soldato ferito a morte, sorretto dai compagni e baciato dalla Gran Madre Italia. Il tutto si poggia su una superficie di marmo bianco, adornata con grandiosi bassorilievi a destra e a sinistra raffiguranti il mesto corteo delle Madri, delle Spose, degli Ortani, alle tombe degli Eroi; questi campeggiano nel bassorilievo superiore centrale.

Visualizza la mappa

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
Strada Cimitero di San Cataldo
CAP:
41123
Latitudine:
44.6620076
Longitudine:
10.904722900000024

Informazioni

Luogo di collocazione:
Un intero settore del porticato B di fronte alla Quadra del campo dove erano sepolti i Caduti
Data di collocazione:
1922 inaugurato nel 1923 alla presenza del Re Vittorio Emanuele III
Materiali (Generico):
Bronzo, Marmo
Materiali (Dettaglio):
Monumento in bronzo situato all'interno di una finestra in marmo bianco.
Stato di conservazione:
Ottimo
Ente preposto alla conservazione:
Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia-Romagna
Notizie e contestualizzazione storica:
Progettato dall'Amministrazione Comunale di Modena a partire dal 1916 in memoria dei Caduti nella prima guerra mondiale. Al finanziamento del materiale per l'esecuzione dell'opera dettero valido contributo il Municipio, la Provincia e gli Istituti di credito cittadini. Si ebbero poi altri proventi da sottoscrizioni pubbliche e dall'incasso di una conferenza tenuta dal valoroso capitano e illustre scrittore Giannino Traversi e da un concerto dato al nostro Teatro Municipale.

Contenuti

Iscrizioni:
MUTINENSES CIVES HEROUM NOMINA
QUI PRO PATRIA PUGNANTES MORTEM OPPETIERE
POSTERIS MONITUS MEMORIAMQUE IMMORTALITATI
HIC TRADENDA CURARUNT
VICTORIO EMANUELE III
PRAESENTE
A.D EM. VI. ID. D. C. MCMXXII(?) CONSACRAVERE
Simboli:
Bassorilievi con un soldato ferito a morte, sorretto dai compagni e baciato dalla Gran Madre Italia; sono presenti ai lati corone di alloro .

Altro

Osservazioni personali:
Quest'opera suscita profonda solidarietà e compassione in chi la osserva; la scena ricorda le rinascimentali opere sulla deposizione del Cristo, esaltando il sacrificio dell'uomo che si immola per la Patria. Nel soggetto si riscontra quindi la pesantezza fisica della morte, non solo fisicamente, ma anche nel suo aspetto psicologico. Nel complesso l'opera trasmette tristezza, ansia e paura, emozioni tipiche della guerra. Sulla destra si apre un vortice quasi a simboleggiare "L'Ala della Gloria", creando sconcerto nel fruitore.

Gallery