138965 - Lastra della rotonda di Squarciarelli – Grottaferrata (Rm)

Lastra commemorativa delle vittime di bombardamenti e altre azioni di guerra 1943 – 1944
La lastra si trova alla base di una edicola in muratura che nella parte superiore ha un crocifisso in legno.
Intorno ha un piccolo spazio verde e alcune panchine.
Si trova a lato di una rotonda in località Squarciarelli a Grottaferrata, nella zona dei Castelli Romani.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
Viale Vittorio Veneto incrocio Via Campi D'Annibale - Grottaferrata (Rm)
CAP:
00046
Latitudine:
41.78201996164301
Longitudine:
12.682970522072765

Informazioni

Luogo di collocazione:
Si trova a lato di una rotonda in località Squarciarelli a Grottaferrata, nella zona dei Castelli Romani.
Data di collocazione:
1958
Materiali (Generico):
Marmo
Materiali (Dettaglio):
Lastra in marmo con lettere incise
Stato di conservazione:
Insufficiente
Ente preposto alla conservazione:
Informazione non reperita
Notizie e contestualizzazione storica:
La lastra ricorda le vittime dei bombardamenti aerei dell’ 8 settembre 1943, del 17 febbraio 1944, e di altri eventi bellici, come le razzie e le violenze dei soldati tedeschi in ritirata.
Il bombardamento del 8 settembre è noto come il bombardamento di Frascati, che era sede del comando tedesco del feldmaresciallo Kesselring.
Il giorno dell’armistizio la zona fu pesantemente colpita, 130 aerei B-17 americani, meglio conosciuti con il nome di fortezze volanti, sganciarono 1300 bombe. Persero la vita circa 500 civili e 200 soldati tedeschi, e molti edifici furono distrutti.
Anche Grottaferrata ebbe le sue vittime, soprattutto a causa di ordigni che distrussero due rifugi.
A memoria di queste e altre vittime fu eretta nel 1958 questa lastra.
Alcune delle persone i cui nomi sono lì riportati sono morte proprio nei bombardamenti, mentre altre sono state uccise dai soldati tedeschi in fuga che irrompevano nelle case per portare via cibo e tutto quello che potevano.

Giuseppe Vitali è stato ucciso così, tra i file audio si può ascoltare la testimonianza di Gina Vitali, una dei suoi cinque figli, all'epoca undicenne.

Contenuti

Iscrizioni:
Il popolo di Poggio Tulliano
Nel rimettere con vera pietà cristiana al suo posto questo venerato crocifisso, profanato da mani empie e sacrileghe, colloca accanto al martire del Golgota i nomi di coloro che rimasero vittime nei bombardamenti aerei dell'8 settembre 1943, del 17 febbraio 1944 e a causa di altri incidenti bellici


VITTIME ETÀ
Amantini Elda 21
Blasi Tullio 44
Bombardieri Giovanni 49
Buzzi Attilio 44
Buzzi Bianca 24
VITTIME ETÀ
Ceci Augusto 34
Ceci Franco 10
Ceci Raimondo 41
Ceci Sandro 2
Corinaldesi Adolfo 50



VITTIME ETÀ
Crisei Agostino 25
Crisei ..... 37
Consoli Ines ...
Cupelli Antonio 41
Cupelli Tomassina 15
Cupelli Valeria ...
Dantini .... ...
De Santis Dina ...
De Santis Elvira ...
De Santis Francesco ...
De Santis Mario ...
De Santis Sante ...
D'Ottavi Agostino ...
Ferretti Mario ...
Fortini Giorgio ...
Giuliodori Amelia 54
Giuliodori Attilio 56
Giuliodori Enzo ...
Guglielmi Andrea ...
Guglielmi Domenico 56
Guglielmi Oneglia 33
Lattanzi Artemio 18
Lattanzi Gino 20
VITTIME ETÀ
Leandri Carlo 3
Leandri Otello 5
Lucci Anselmo. 15
Massacci Anna 11
Mecozzi Angela ...
Mecozzi Massimo ...
Mecozzi .... ...
Mecozzi Roberto …
Merelli Giovanni 45
Pelei Bruna 13
Pelei Gisella 8
Pericotti Angelo 42
Petrolini Antonio .3
Proietti Matilde 17
Serafini Enrico …
... Fernando .4
... Beniamino 70
... sira …
... Maria 47
... iglia …
Venturi Ines 46
Vergati Domenica 62
Vitali Giuseppe 51
Simboli:
Informazione non reperita

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery