98875 - Monumento ai Caduti della Guerra 1915-1918 – Mede

Il monumento ai Caduti della Guerra 1915-1918, inaugurato il 19 novembre 1922, è collocato in Piazza della Repubblica, davanti al palazzo municipale. E’ costituito da un basamento a forma piramidale rivestito di marmo e con una base di granito. Sopra al basamento si erge una statua di bronzo rappresentante un soldato nell’atto di piantare la bandiera sopra uno strato di roccia, a simboleggiare la meta raggiunta. Nella facciata principale del basamento venne collocato un magnifico bassorilievo di bronzo, rappresentante il petto nudo e robusto di un giovane morente la cui mano viene sollevata e baciata dalla figura di una donna che ne raccoglie l’ultimo respiro a simboleggiare il sacrificio di un soldato caduto per la patria.

Visualizza la mappa

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
Piazza della Repubblica
CAP:
27035
Latitudine:
45.096272
Longitudine:
8.736237

Informazioni

Luogo di collocazione:
Davanti al palazzo municipale
Data di collocazione:
1922
Materiali (Generico):
Bronzo, Marmo, Pietra
Materiali (Dettaglio):
basamento rivestito di marmo e con una base di granito, statua di bronzo,un bassorilievo di bronzo
Stato di conservazione:
Ottimo
Ente preposto alla conservazione:
Associazione Nazionale Alpini (ANA)
Notizie e contestualizzazione storica:
La sua erezione è dovuta in massima parte ad un gruppo di giovani medesi, riuniti in "Comitato Pro Monumento Caduti", che vollero eternare in un segno tangibile il sacrificio dei soldati caduti. Il sindaco di allora, Giuseppe Robone, approvò l'iniziativa e diede l'autorizzazione ad iniziare una sottoscrizione popolare per raccogliere i fondi necessari.
Lo scultore Felice Bialetti ha realizzato il bassorilievo che dopo la sua morte fu donato dal fratello e posto sul basamento. Il realizzatore della statua fu lo scultore Michele Vedani.
Tra il 1915 e il 1918 fu inserita la scrittura "Con orgoglio e tenerezza Mede ai figli suoi", che in seguito venne sostituita con la formula "Ai caduti".
Il 27 ottobre 2008 la scritta originaria è tornata sulla base del Monumento, e nella primavera è stata completata la ristrutturazione di tutto il Monumento, nelle parti bronzee e marmoree.

Contenuti

Iscrizioni:
FACCIATA FRONTALE:

1915 "Con orgoglio e tenerezza Mede ai figli suoi" 1918

FACCIATA LATERALE SINISTRA :

-Morti per incidenti di servizio

Chiarenza Alessandro(capitano pilota aviatore)

-Morti per malattia

Ansandri Cesare (soldato)
Baratti Alessandro (soldato)
Bertolini Gregorio (soldato)
Biglieri Pietro (soldato)
Cagnola Gerolamo (sergente)
Calvi Angelo (soldato)
Cantone Ernesto (soldato)
Ciocca Ercole (tenente)
Fleba Alessandro (soldato)
Forni Giuseppe (soldato)
Gaggieri Francesco (sergente)
Margaritora Arturo (caporale)
Morando Angelo (caporale)
Pecorara Angelo (caporale)
Pensa Angelo (caporale)
Ovadrato Bartolomeo (soldato)
Scarone Guerino (caporale)
Seva Luigi (soldato)
Strada Vittorio (capitano)
Vanetti Angelo (soldato)
Vecchio Ernesto (soldato)
Belloni Leopoldo (tenente)
Panzarasa Michele (cap. magg.)
Coldani Marziano (cap. magg.)

-Morti in Libia

Moro Giovanni (soldato)
Mugni Mario (soldato)

FACCIATA POSTERIORE:

-Morti e Dispersi per fattori di guerra 1940-1945

Agnelli Francesco (soldato)
Andreoli Oreste (soldato)
Bernini Pietro (soldato)
Bertaia Giuseppe (soldato)
Bertolino Aldo (soldato)
Benomi Giuseppe (soldato)
Borile Alfredo (soldato)
Braca Severino (soldato)
Buffini Giuseppe (soldato)
Camera Gino (caporale)
Cavezzale Pietrino (soldato)
Comotti Giuseppe (caporale)
Daglio Mario (soldato)
Danesini Luigi (soldato)
Ferro Placido (soldato)
Fracchia Pietro (caporale)
Frascaroli Giuseppe (caporale)
Gamalerio Alfonso (soldato)
Gandolfi Angelo (soldato)
Grossi Giuseppe (aviere)
Maroni Vescovi Alberto (all. uff. pil)
Marzolla Albino (soldato)
Negri Carlo (cap. maggiore)
Nipoti Carlo (soldato)
Orbelli Mario (soldato)
Perotti Angelo (sergente)
Rapetti Pietro (soldato)
Recchi Giuseppe (soldato)
Sozzi Amerigo (serg. magg.)
Zaninello Guido (soldato)
Camussoni Luigi (cap. magg.)
Invernizzi Giovanni (ten. fant.)

-Civili

Briacca Guido
Laboranti Ercolina
Marzolla Iseo
Rossanigo Carlo

FACCIATA LATERALE DESTRA:

-Morti e Dispersi per fatto di guerra

Appiani Carlo (soldato)
Ballottini Alessandro (soldato)
Barbieri Faustino (soldato)
Battezzati Stefano (caporale)
Bartellone Carlo (soldato)
Besostri Giovanni (soldato)
Bignelli Angelo (caporale)
Bigo Carlo (soldato)
Braccio Edoardo (soldato)
Branda Domenico (soldato)
Branda Giuseppe (soldato)
Brinciotti Luigi (soldato)
Caipo Luigi (soldato)
Calvi Battista (caporale)
Campeggi Giovanni (soldato)
Casone Giovanni (caporale)
Castellani Cesare (soldato)
Cattaneo Delfino (soldato)
Cavezzale Pietro (soldato)
Cerra Giovanni Cesare (cap. magg.)
Costadone Giovanni (soldato)
Cottaramusino Carlo (cap. magg.)
Deodato Pietro (soldato)
Farguglia Luigi (soldato)
Fermini Carlo (caporale)
Frascaroli Secondo (soldato)
Galascni Alessandro (soldato)
Garberi Giuseppe (soldato)
Gargano Giuseppe (soldato)
Gatti Francesco (soldato)
Girini Carlo (sergente)
Gloria Carlo (soldato)
Gobbi Emilio (soldato)
Guarnaschelli Giuseppe (soldato)
Leva Edoardo (sergente)
Lodigiani Luigi (soldato)
Longhi Luigi (soldato)
Maggi Pietro (soldato)
Magnani Alfredo (soldato)
Magnani Secondo (caporale)
Margaritora Giuseppe (caporale)
Martivenchi Carlo (soldato
Massocchi Natale (soldato)
Mercenari Angelo (soldato)
Monferini Carlo (soldato)
Morando Pasquale (caporale)
Nani Carlo (caporale)
Nevi Carlo (soldato)
Novelli Pietro (soldato)
Olivieri Pietro (soldato)
Orlandini Giulio (soldato)
Pagani Giuseppe (soldato)
Paradisi Alessandro (soldato)
Perotti Stefano (caporale)
Poggi Giovanni (soldato)
Ramazza Mario (soldato)
Re Vincenzo (cannoniere)
Recchi Giuseppe (soldato)
Rivelli Santo (cap. magg.)
Roncaroli Carlo (soldato)
Roncaroli Giuseppe (soldato)
Rossanigo Stefano (soldato)
Rossi Angelo (soldato)
Scarlatta Carlo (caporale)
Sempi Marino (soldato)
Sinistro Adamo (soldato)
Taverna Luigi (caporale)
Tonani Edoardo (soldato)
Vecchio Giuseppe (soldato)
Velata Giovanni (soldato)
Vercesi Ernesto (soldato)
Vercesi Pietro (caporale)



Simboli:
Presenta un soldato che innalza una bandiera, simbolo di amore della patria.

Altro

Osservazioni personali:
Dopo questa ricerca più approfondita sul Monumento, abbiamo compreso l'importanza di ricordare il passato e di non dimenticare chi è restato fedele alla propria Patria fino alla fine, sacrificando la propria vita per noi.

Gallery