2389 - Monumento Caduti Bosco-Pieve Pagliaccia

Monumento ai Caduti di Bosco-Pieve Pagliaccia. Il monumento richiama alla mente la vita umana strappata, rapita, infranta improvvisamente da uno spietato e inesorabile proiettile che, con invadenza devastante, ha divorato molte anime inermi che sono volate in cielo, lasciando una scia di ricordi che nessuno potrà mai cancellare perché troppo potenti per essere travolti dal vento dell’oblio.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Bosco
Indirizzo:
Piazza Don Candido Cancellotti
CAP:
06080
Latitudine:
43.1400351
Longitudine:
12.4660532

Informazioni

Luogo di collocazione:
Area verde adiacente la chiesa parrocchiale
Data di collocazione:
25/10/1992
Materiali (Generico):
Bronzo, Marmo, Altro
Materiali (Dettaglio):
Tutto il monumento è in travertino romano, le scritte e i fregi sono in bronzo e il proiettile sembra originale
Stato di conservazione:
Ottimo
Ente preposto alla conservazione:
Parrocchia di Bosco - Pieve Pagliaccia
Notizie e contestualizzazione storica:
Informazione non reperita

Contenuti

Iscrizioni:
CADUTI / PER / LA PATRIA / BOSCO / P. PAGLIACCIA
Simboli:
Stele spezzata e proiettile. Si tratta di una stele in marmo travertino romano con al vertice un proiettile; sulla base orizzontale è posto un simbolo bellico in bronzo.

Altro

Osservazioni personali:
Di recente è stato ripulito a spese di alcuni parrocchiani. Pur essendo di fattura moderna, la simbologia lo rende particolarmente significativo. E' importante evidenziare la simbologia che è particolare ed emblematica: all’estremità superiore il monumento si presenta spezzato a causa della forza distruttrice di un proiettile di cannone infisso nella pietra; il pezzo di travertino mancante giace a terra, quasi dimenticato, in prossimità della facciata posteriore del monumento stesso. Sulla parte orizzontale dell’opera è posto l’emblema bronzeo che raffigura due fucili incrociati insieme a due spade e un elmetto italiano della prima guerra mondiale.
Sulla pietra non sono presenti nomi, che sono riportati su una lapide appesa su una parete della chiesa di Pieve Pagliaccia

Gallery