139710 - Monumento dedicato a Sandro Pertini a Sestri Levante (GE)

Il monumento è costituito da una parte a forma di piramide squadrata rappresentata come terra/roccia con tante spaccature o crepe; è diviso a metà e, nella zona tra le due parti, ci sono un faro ed una decorazione a mosaico nella parete interna, senza alcun disegno particolare. Il monumento ha una base per metà in cemento pitturato in colore rosso chiaro e, nell’altra metà, è collocato su un basamento foderato in marmo di colore marrone chiaro: è la parte in cui è posto, a metà dell’opera, il volto bronzeo di S. Pertini. Questa parte è rivolta verso il cartello dedicatorio della piazza stessa.  Vi è ricordato il Presidente della Repubblica Sandro Pertini, medaglia d’oro al V. M. della Resistenza. Alla base del monumento,  è presente una lastra in ottone, fissata con sei viti, nella quale è riportata l’iscrizione.

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
Piazza Sandro Pertini, Sestri Levante
CAP:
16039
Latitudine:
44.2741348
Longitudine:
9.39698670000007

Informazioni

Luogo di collocazione:
Piazza.
Data di collocazione:
Non reperibile.
Materiali (Generico):
Bronzo, Marmo, Ottone, Pietra, Altro
Materiali (Dettaglio):
Il monumento poggia in parte su marmo e in parte sul cemento. La Piramide è in pietra; l'iscrizione in ottone e il volto in bronzo.
Stato di conservazione:
Sufficiente
Ente preposto alla conservazione:
Non disponibile.
Notizie e contestualizzazione storica:
Alessandro Pertini è nato a Stella (Savona) il 25 settembre 1896. Laureato in giurisprudenza e in scienze sociali. Ha partecipato alla prima guerra mondiale; ha intrapreso la professione forense e, dopo la prima condanna a otto mesi di carcere per la sua attività politica, nel 1926 è condannato a cinque anni di confino. Sottrattosi alla cattura, si è rifugiato a Milano e successivamente in Francia, dove ha chiesto e ottenuto asilo politico, lavorando a Parigi. Anche in Francia ha subito due processi per la sua attività politica. Tornato in Italia nel 1929, è stato arrestato e nuovamente processato dal tribunale speciale per la difesa dello Stato e condannato a 11 anni di reclusione. Scontati i primi sette, è stato assegnato per otto anni al confino: ha rifiutato di impetrare la grazia anche quando la domanda è stata firmata da sua madre. Tornato libero nell'agosto 1943, è entrato a far parte del primo esecutivo del Partito socialista. Catturato dalla SS, è stato condannato a morte. La sentenza non ha luogo. Nel 1944 è evaso dal carcere assieme a Giuseppe Saragat, ed ha raggiunto Milano per assumere la carica di segretario del Partito Socialista nei territori occupati dal Tedeschi e poi dirigere la lotta partigiana: è stato insignito della Medaglia d'Oro. Conclusa la lotta armata, si è dedicato alla vita politica e al giornalismo. E' stato eletto Segretario del Partito Socialista Italiano di unità proletaria nel 1945. E' stato eletto Deputato all'Assemblea Costituente. E' stato eletto Senatore della Repubblica nel 1948 e presidente del relativo gruppo parlamentare. Direttore dell'"Avanti" dal 1946 al 1947 e dal 1949 al 1951, nel 1947 ha assunto la direzione del quotidiano genovese "Il Lavoro". E' stato eletto Deputato al Parlamento nel 1953, 1958, 1963, 1968, 1972, 1976. E' stato eletto Vice-Presidente della Camera dei Deputati nel 1963. E 'stato eletto Presidente della Camera dei Deputati nel 1968 e nel 1972. Dopo il fallimento della riunificazione tra P.S.I. e P.S.D.I,. aveva rassegnato le dimissioni, respinte da tutti i gruppi parlamentari. E' stato eletto Presidente della Repubblica l'8 luglio 1978 (al sedicesimo scrutinio con 832 voti su 995). Ha prestato giuramento il giorno successivo. Ha rassegnato le dimissioni il 29 giugno 1985: è divenuto Senatore a vita quale ex Presidente della Repubblica. E' deceduto il 24 febbraio 1990. Dal sito: http://presidenti.quirinale.it.

Contenuti

Iscrizioni:
I VOSTRI PAESI
DI COSTA E DELL’ENTROTERRA
VI RICORDANO
PARTIGIANI DELLA CODURI
E CON VOI E PER VOI TUTTI
IL VOSTRO COMANDANTE VIRGOLA.

LA SUA LABORIOSA PACATEZZA
LA SUA INTIMA INTRANSIGENZA
IL SUO VALORE MILITARE
IL SUO IMPEGNO PATRIOTTICO
MORALE E CIVILE
SONO DI ESEMPIO
E DI AMMONIMENTO
A NON DIMENTICARE
GLI IDEALI DELLA RESISTENZA
PER UN ITALIA
LIBERA E BELLA
Simboli:
Informazione non reperita

Altro

Osservazioni personali:
Informazione non reperita

Gallery