191124 - Pietra d’inciampo dedicata a Giulia Forti Basevi – Milano

Pietra d’inciampo in memoria di Giulia Enrichetta Forti vedova Basevi deportata e morta ad Auschvitz in data ignota. La pietra è in via Fratelli Bronzetti 33, dove abitava.

 

 

Visualizza la mappa

Posizione

Nazione:
Regione:
Provincia:
Comune:
Frazione:
Indirizzo:
via Fratelli Bronzetti 33
CAP:
20129
Latitudine:
45.464245506843
Longitudine:
9.2149190463841

Informazioni

Luogo di collocazione:
nell'asfalto davanti al portone di via Bronzetti 33
Data di collocazione:
Informazione non reperita
Materiali (Generico):
Ottone
Materiali (Dettaglio):
Sampietrino d'autore incastonato nel manto stradale con la superficie ricoperta in ottone.
Stato di conservazione:
Ottimo
Ente preposto alla conservazione:
Informazione non reperita
Notizie e contestualizzazione storica:
Giulia Enrichetta Anna Rebecca Forti nasce a Verona il 10 novembre 1884 da Leopoldo Forti ed Emilia Basevi. In prime nozze, nel 1907, sposa un cugino, Licinio Basevi, con il quale ha cinque figli (Gino, Ettore, Emilio, Guglielmina e Wally): il marito, volontario nella Prima guerra mondiale, muore di febbre spagnola nel 1919. Appassionata di musica lirica (voce da mezzosoprano), fa parte del coro della sinagoga di Verona. Tenta senza successo di proseguire l’attività del marito (importazione di generi coloniali) e dopo qualche anno si trasferisce a Milano, dove lavora come sarta. Il figlio maggiore, Gino, malato di cuore, muore nel 1939.

Nel 1943, a causa dei bombardamenti su Milano, Giulia Forti si trasferisce come sfollata in una cascina ad Ospedaletto Lodigiano, ma dopo pochi mesi insieme ai figli Emilio e Wally cerca di rifugiarsi in Svizzera; ne è respinta e dopo un ulteriore tentativo viene arrestata a Pino sul treno che la conduce indietro verso Varese: è il 5 dicembre 1943. È in carcere prima a Varese e poi a San Vittore, da cui è deportata ad Auschwitz. È ignota la data di morte.

Fonte: http://www.pietredinciampo.eu/portfolio/giulia-forti-basevi/

Giulia Enrichetta Forti vedova Basevi, nonna materna di Adriana Goldstaub (deportata) ©Archivio CDEC (inv.001-018)

Contenuti

Iscrizioni:
QUI ABITAVA
GIULIA
FORTI BASEVI
NATA 1884
ARRESTATA 5. 12. 1943
DEPOERTATA
AUSCHWITZ
ASSASSINATA
Simboli:
Informazione non reperita

Altro

Osservazioni personali:
Si ringrazia il signor Emanuele Arnavas per aver ripreso e concesso la fotografia.

Gallery